Il registratore del mondo – 12

charms-5-197x300

Nelle sue memorie, Marina Malic ricorda che una volta chiamarono Daniil alla Nkvd, il Commissariato del popolo per gli affari interni -vale a dire la polizia segreta. Daniil era terrorizzato, pensava che l’avrebbero arrestato. Invece gli avevano chiesto di fare alcuni giochi di prestigio. E lui, che era un grande prestigiatore, dalla paura non riusciva a farli: gli tremavano le mani. L’avevano chiamato solo per curiosità.

Col clima che si respirava in quel periodo a Leningrado, figuriamoci se Daniil non aveva paura per quello che era appena successo in mezzo alla strada. Infatti, tu lo cerchi e non lo trovi. Sembra che sia scappato.

Dal resoconto degli interrogatori, è evidente che Daniil da una parte scherzava col fuoco, e si metteva volontariamente a rischio con le sue affermazioni strampalate, dall’altra aveva una paura fottuta. E anche adesso è accaduto proprio questo: temerarietà e paura fottuta. L’anima di Daniiil sembra non conoscere il buon senso.

E’ sparito come il personaggio di una sua poesia del 1937, intitolata Un uomo è uscito di casa.

Un uomo è uscito di casa
Con un bastone e un tascapane
E per un lungo viaggio
E per un lungo viaggio
E’ partito, solo come un cane.

Andava sempre dritto e avanti
E sempre avanti lui guardava.
Non dormiva, non beveva,
Non beveva, non dormiva,
Non dormiva, non beveva, non mangiava.

Poi una buona volta all’alba,
E’ entrato in un gran bosco folto
E da quel momento
E da quel momento
E da quel momento si è dissolto.

Ma se per un qualche caso strano
Vi succedesse di vederlo
Allora presto ditelo
Allora presto ditelo
Abbiam bisogno di saperlo.

Dove sta il problema di questa filastrocca per bambini? Il problema è che, in quel periodo, la gente in Unione sovietica spariva per davvero. E questa poesia per bambini venne scambiata per una critica al sistema. E’ da quel momento che Daniil non ha potuto più pubblicare, nemmeno sulle riviste per l’infanzia. Da quel momento ha cominciato a far la fame.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...